newsletter-rose-Asolosmall

 


newsletter-rose-Asolo

 

Sabato 11 maggio Irma Paulon torna a giocare in casa, scegliendo i luoghi più spettacolari di Asolo per il suo evento SON ET LUMIERE.
Luce, leggerezza, ironia i fili conduttori del percorso che si snoderà tra natura e cultura, arte e umanità.
Dalle 10.00 alle 13.00 – atelier Paulon, Via Pietro Bembo 89, AsoloTEMPORARY SHOP dove si potranno ammirare ed acquistare le nuove collezioni “Cuori Scompigliati”, “Elementi”, “Energia”, ritirare simpatici regali e visitare l’atelier ed il giardino con le opere e le installazioni
Alle 14.30 appuntamento di fronte al Caffè Centrale per recarsiAlle 15.00 al PARCO DI VILLA FREYA per una visita guidata al lussureggiante giardino della villa in cui visse l’esploratrice e scrittrice britannica Freya Stark dove – tra carpini, rose e lecci secolari – gli ospiti entreranno in una dimensione dello spirito favorevole all’ascolto interiore.L’accompagnamento guidato sarà d’ispirazione per assaporare l’armonia tra le imperiture vestigia del municipium romano di Asolo e la rigenerata vitalità del giardino. Le prime saranno illustrate da BELLASOLO -Tourist Services in Veneto, agenzia di accoglienza turistica in Veneto che gestisce le visite al Parco Archeologico, mentre la seconda parte sarà descritta da KRISTIAN BUZIOL di PUNTO VERDE GIARDINI, esperto in restauro di giardini storici, creatore e anima della nuova vita di questo angolo incantato.
Dalle 16.00 alle 18.30 sulla TERRAZZA PANORAMICA dell’ALBERGO AL SOLE, godendo dello splendido scenario dei colli asolani e della sottostante pianura, ci si aprirà ad un momento conviviale di incontro, in cui tutti i sensi saranno coinvolti.
METTIAMOCI IL CUOREINCONTRO DI ARTISTI E VARIA UMANITA’Performance artistica di Irma Paulon & amici

Irma dipingerà, danzerà, vivrà la sua arte condividendola con gioia e passione con le persone presenti, che potranno creare insieme a lei.
Il realismo magico delle immagini di BARBARA BELTRAMELLO, fotoreporter internazionale che presenta la sua mostra “Momenti di chiaroscuro. Iquitos surreale” (11-18 maggio Albergo AL SOLE, successivamente Atelier Paulon) si mescolerà alla scenografia olfattiva della fragrance designer CLAUDIA SCATTOLINI con la fragranza “Delicate Rose” creata in occasione dell’evento, mentre il tatto e la vista saranno solleticati dalle nuove collezioni di Irma Paulon “Cuori Scompigliati”, “Elementi”, “Energia”, presentate per l’occasione.
Anche per l’udito Irma ha in serbo una sorpresa, che stimolerà il nostro senso del ritmo, antico come l’anima: i percussionisti ed i ballerini di REENU AFRICA – Senegal ci accompagneranno con il suono del djembé, il battito del cuore del mondo.
A stuzzicare il gusto penserà l’équipe del talentuoso ENRICO VILLANOVA, Chef del Ristorante La Terrazza, Albergo AL SOLE.
Irma indosserà i suoi bijoux e le eteree creazioni della fashion stylist internazionale LUISA FORTUNY, autrice della sensuale collezione di lingerie femminile “Reves de charme”.La Regia della Luce è affidata a CATERINA PREARO, artista veneziana, amica di Irma, che con la luce e la materia sa giocare tra ironia e leggerezza.
Costo dell’evento(inclusi aperitivo, ingresso al Parco e visita guidata)€. 20,00

Si prega di confermare presenza – +39 340 640 24 43

Dalle 19.00 in poi, SON ET LUMIERE, Atelier Paulonla generosa Irma aprirà ancora una volta le porte di casa per concludere in bellezza la giornata con musica e arte nel giardino dell’Atelier, illuminato dalla suggestiva coreografia della Luminaria artistica di MEDUSA OBJECTS

L’arte e la ricerca di Irma sono intimamente connesse con la natura e con la dimensione onirica e primordiale che il contatto con le forze naturali suscita nell’anima di chi si mette in viaggio e in ascolto con cuore puro.L’allestimento del Parco di Villa Malipiero e le installazioni nel giardino dell’atelier sono l’esempio di come Irma sappia ascoltare con umiltà le suggestioni che giungono da mondi paralleli.L’artista è un visionario, precorre i tempi e congiunge le dimensioni spaziali.Quando gli eventi accadono l’artista è già lì, perché li ha percepiti per primo.Forse contribuisce a farli accadere e a perpetuarli in una spirale senza fine – ENDLESS.Forse si limita a sognarli.Ma quando ci fermiamo di fronte a un’opera e non sappiamo più distinguere tra sogno e realtà, allora l’artista è riuscito nel suo intento: fermare attimi di pura bellezza e congiungere i mondi.